Manipolazione dei gas di scarico Volkswagen: questionario online per i danneggiati

Berna, 02.09.2019 - Nell’ambito del procedimento penale condotto dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC) relativo alle manipolazione dei gas di scarico Volkswagen, i danneggiati possono d’ora in poi annunciarsi anche tramite un formulario online e far valere i loro diritti di procedura penale. Con il formulario online, il MPC ha individuato una soluzione innovativa in questo ambito, per richiamare l’attenzione di un ampio gruppo di persone che comprende fino a 175’000 danneggiati sui loro diritti e per registrare le loro eventuali pretese.

Da dicembre 2016, il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) conduce un procedimento penale contro la Volkswagen AG in Germania e contro la AMAG Import AG (in precedenza AMAG Automobil- und Motoren AG) per sospetto di punibilità dell’azienda (art. 102 cpv. 1 Codice penale [CP] i.c.d. con l’art. 146 CP) nonché contro gli organi e gli appartenenti all’azienda AMAG Import AG responsabili per truffa per mestiere (art. 146 cpv. 1 e 2 CP). Agli imputati è contestato di aver cagionato in Svizzera tra il 2008 e il 2015, essendo stati almeno in parte consapevoli delle manipolazioni dei gas di scarico effettuate, un pregiudizio di identità indeterminata al patrimonio a circa 175’000 acquirenti e assuntori di leasing di veicoli delle marche del gruppo Volkswagen, dotati di motori diesel del tipo EA 189. È disponibile un elenco dei modelli di veicolo potenzialmente coinvolti all’inizio del questionario online, disponibile all’indirizzo www.ba.admin.ch.

Primo procedimento penale in Svizzera con 175’000 danneggiati
Secondo l’articolo 118 capoverso 4 Codice di procedura penale [CPP], il MPC, in qualità di autorità di perseguimento penale responsabile, è tenuto a informare i danneggiati relativamente ai loro diritti di parte e dunque in merito alla possibilità di costituirsi parte penale e/o civile. Visto l’ampio numero di danneggiati, che ammonta a 175’000 – finora in Svizzera non c’è ancora stato un procedimento penale con così tanti danneggiati – con il questionario disponibile online il MPC ha sviluppato una soluzione innovativa in questo ambito per registrare ed elaborare possibili parti penali e/o civili con un onere proporzionato.

Indicazioni relative a questo procedimento penale
Come già riferito nel comunicato stampa del 9 dicembre 2016, ad aprile 2016 il MPC ha già trasmesso oltre 2000 denunce nel quadro di una domanda di assunzione del procedimento penale svizzero alla competente procura di Braunschweig in Germania, che conduce un procedimento penale relativo agli 11 milioni di veicoli interessati in tutto il mondo. Contro il decreto di non luogo a procedere del procedimento penale conseguentemente emanato dal MPC a maggio 2016, è stato interposto ricorso presso il Tribunale penale federale (TPF). Quest’ultimo lo ha accolto a novembre 2016 e ha incaricato il MPC di avviare un relativo procedimento penale. Dopo il suo avvio, già a dicembre 2016 il MPC ha messo al sicuro oltre 1 terabyte di dati presso il Gruppo AMAG, mostratosi sempre cooperativo. Da allora, nell’ambito della gravosa elaborazione dei dati che richiede risorse ingenti, sono stati controllati e analizzati circa 1.8 milioni di documenti. A oggi, una richiesta di assistenza giudiziaria indirizzata alle autorità tedesche a gennaio 2017 non ha ancora ricevuto risposta.

Il carattere unico di questo procedimento penale necessita misure onerose che richiedono ampie risorse, le quali tuttavia di per sé non permettono di trarre conclusioni in merito alle probabilità di successo del procedimento stesso. La presunzione di innocenza è applicata a tutti gli imputati.

Ulteriori informazioni relative al questionario
Il questionario può essere compilato online o per iscritto ed è disponibile in tedesco, francese, italiano e inglese; è reperibile online sul sito web del MPC: www.ba.admin.ch. La conferma di avvenuta registrazione può essere stampata e inviata al MPC per raccomandata (indirizzo postale: Ministero pubblico della Confederazione, menzione «Volkswagen», Werdstrasse 138+140, 8036 Zurigo). È anche possibile richiedere degli esemplari stampati del questionario per raccomandata, scrivendo a questo indirizzo postale con la menzione «Volkswagen».

Con il questionario sono rilevati dati relativi alla persona e al veicolo nonché informazioni concernenti il patrocinio, le pretese risultanti dal possibile reato e i diritti di partecipazione. Inoltre, il questionario comprende informazioni giuridiche e una dichiarazione relativa ai diritti. Come preparazione, è sufficiente la licenza di circolazione del veicolo interessato e il numero di telaio. Per partecipare al procedimento penale come parte penale e/o civile e per far valere i diritti di partecipazione, occorre inviare il modulo compilato in modo veritiero entro al più tardi l’11 ottobre 2019.


Indirizzo cui rivolgere domande

Servizio di comunicazione del Ministero pubblico della Confederazione, info@ba.admin.ch


Pubblicato da

Ministero pubblico della Confederazione
http://www.ba.admin.ch/ba/it/home.html

https://www.bundesanwaltschaft.ch/content/mpc/it/home/medien/archiv-medienmitteilungen/news-seite.msg-id-76267.html