Operazione coordinata nel settore della cibercriminalità

Berna, 18.07.2018 - Nell’ambito di una procedura penale aperta dal Ministero pubblico della Confederazione per Voice Phishing, il 17 luglio 2018 è stata eseguita nei Paesi Bassi un’operazione coordinata a cui hanno partecipato rappresentanti del Ministero pubblico della Confederazione, di fedpol e delle autorità olandesi di perseguimento penale.

Da maggio 2017 il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) conduce un procedimento penale per sospetto di abuso di un impianto per l’elaborazione di dati (art. 147 cpv. 1 e 2 del Codice penale svizzero). Un gruppo attivo su scala internazionale è sospettato di ottenere dati di e-banking tramite e-mail spam e chiamate telefoniche e di averli utilizzati illecitamente (Voice Phishing). Sono talvolta interessati clienti di istituti finanziari in Svizzera.

Attraverso la collaborazione con i Paesi Bassi basata sull’assistenza giudiziaria è stato possibile identificare i presunti autori e localizzare la loro base operativa nella zona di Rotterdam. Con il sostegno delle autorità olandesi di perseguimento penale e del Ufficio federale di polizia fedpol nonché grazie al coordinamento da parte di Eurojust, il 17 luglio 2018 è stata eseguita nei Paesi Bassi un’operazione coordinata in cui si è proceduto all’arresto di due persone e a delle perquisizioni domiciliari nei Paesi Bassi. Su richiesta del MPC l’Ufficio federale di giustizia UFG ha presentato alle autorità giudiziarie dei Paesi Bassi una domanda di estradare la persona arrestata presumibilmente responsabile delle chiamate phishing in Svizzera. L’altra persona è perseguita nell’ambito di un procedimento penale nei Paesi Bassi. Il MPC tiene a sottolineare che per tutte gli imputati vige la presunzione d‘innocenza.

La cibercriminalità internazionale richiede dalle autorità nazionali di perseguimento penale che operano all’interno dei confini territoriali approcci innovativi, come ad esempio una collaborazione transnazionale. Come mostra l’operazione coordinata con successo nei Paesi Bassi, il perseguimento penale della cibercriminalità deve affrontato su scala mondiale.


Indirizzo cui rivolgere domande

Servizio Comunicazione del Ministero pubblico della Confederazione; +41 58 464 32 40; info@ba.admin.ch


Pubblicato da

Ministero pubblico della Confederazione
http://www.ba.admin.ch/ba/it/home.html

https://www.bundesanwaltschaft.ch/content/mpc/it/home/medien/archiv-medienmitteilungen/news-seite.msg-id-71647.html